illustrazione e testo di La Beccaccia 

Da un bel po’ di tempo sto frequentando un corso di fumetto; ho trovato un insegnante bravissimo però,  per la verità, mi diverto ad illustrare e disegnare i miei personaggi.

In questa lezione dovevamo inventare una storia dove noi entravamo nel mondo dei nostri personaggi (personaggi inventati e personaggi nuovi) io ho scelto di creare un mondo basato sulla neurodiversità che comprende tante condizioni. 

 Non ho deciso di rappresentare la disprassia in sé ma le tante sfaccettature di questa: ogni personaggio è un piccolo pezzo.

 In ordine sparso: l’orologio seguito da oggetti come pomelli e piccole sveglie, il gatto che suona uno speciale flauto seguito da un piccolo tamburo dove ognuno marcia a velocità diverse, un bradipo che fa meditazione, punti e virgole che si inseguono e, infine, un’iguana che dopo vari tentativi riesce ad allacciarsi le scarpe. 

Ho deciso di colorare i miei personaggi con le matite per renderli più surreali, adagiandoli su uno sfondo digitale. Il mio intento era di creare un’atmosfera cartoonesca!

Per altre opere e spunti,  puoi seguire l’autrice su Instagram